La Gai è stata fondata nel 1946 a Pinerolo (TO) da Giacomo GAI.

Si è sviluppata e ingrandita nel corso dei decenni e ora è a pieno titolo in mano alla terza generazione della famiglia, dove ricoprono i ruoli direttivi il Dott. Giacomo Gai e gli ingegneri Guglielmo Gai e Giovanni Gai.

Attualmente conta 175 dipendenti.

Il 2014 ha registrato un aumento del 10% del fatturato rispetto al 2013. Questo dimostra la buona salute della GAI, nonostante il clima di difficoltà economica e sociale che invece si respira nel resto del Paese.

La nostra forza sta sicuramente anche nella capacità di attrarre il mercato estero: l’export rappresenta infatti circa L’80 % del fatturato.

Principali paesi di export sono Francia, Stati Uniti, Germania, Austria e Cina. Il nostro prodotto è comunque esportato nei cinque continenti da una rete capillare di rivenditori e importatori, che garantiscono l’assistenza tecnica in loco, anche nel post-vendita nel lungo periodo.

Il 90% della componentistica è prodotta all’interno del nostro stabilimento, come anche la progettazione e il know how, costantemente alimentati dai continui investimenti in ricerca e sviluppo.

I nostri prezzi standard si collocano in una fascia medio-alta del mercato, al pari del prodotto altamente performante e di elevato contenuto.

La Gai Spa vanta la messa a punto del “monoblocco”, la macchina “compatta” che assembla le molteplici funzioni del processo produttivo, gestito da quadri elettrici che automatizzano il lavoro degli operatori.

La produzione della GAI si può dividere in due grosse branche: una per quantitativi che vanno fino a 3.000 bottiglie/ora, e una per lotti di imbottigliamento fino a 15.000 bottiglie/ora.

I principali settori di riferimento tradizionali del vino, dell’olio e dei distillati hanno visto in questi ultimi anni aggiungersi anche quello della birra.

Nel 2013 è stato messo a punto un rubinetto elettro-pneumatico che sta rivoluzionando ancora una volta la tecnica dell’imbottigliamento.

Con la messa a punto della valvola elettro-pneumatica per bevande ferme e frizzanti, la GAI è entrata a pieno titolo nei settori merceologici delle birre e degli spumanti.

GAI SPA, oltre ai suoi successi in campo economico, tiene a sottolineare un’altra sua vocazione di cui va particolarmente fiera: quella etico-ambientale e della qualità della vita e dell’economia.

Gli stabilimenti sono insediati nel verde, inserendosi perfettamente nell’armoniosa e laboriosa campagna del Roero. Attorno all’area produttiva si dislocano i campi sportivi per i dipendenti e le loro famiglie, e un laghetto che abbellisce ulteriormente la cornice.

Tutto è studiato accuratamente per minimizzare lo stress e l’inquinamento acustico.

L’azienda è inoltre uno dei più grandi stabilimenti d’Italia per gli investimenti nella produzione di energia da fonti rinnovabili, al passo quindi con gli standard di quei Paesi europei da sempre attenti ad economia eco-sostenibile, dove l’industria rispetta l’ambiente, anche servendosene per il processo produttivo: il 75% circa del nostro fabbisogno energetico deriva da fonti “pulite”, e in particolare dall’impianto fotovoltaico che ricopre i tetti degli stabilimenti. Tutto ciò comporta che l’impatto ambientale sia fortemente attutito in termini di emissione di CO₂.

Lo stesso dicasi per il sistema di produzione calore, attraverso i pannelli solari termici, e attraverso il recupero di quello non utilizzato per fini energetici, al fine di per non disperdere nulla dalla combustione e di vivere di fatto senza azionare le caldaie, anche nella cattiva stagione

Attualmente sono in corso i lavori di ampliamento della sede, che vedrà quasi duplicata la sua superficie attuale, con nuovi uffici, show room con macchine in funzione, area montaggio e logistica con un magazzino totalmente automatizzato.

In concomitanza dell’inaugurazione dei nuovi locali, la GAI otterrà la certificazione ISO 14001. Questo traguardo è per noi un indubbio successo di cui andare fieri, visti gli altissimi requisiti richiesti al fine di ottenere l’ambita certificazione. Requisiti tecnici, organizzativi, sociali, ambientali.

In questo nostro percorso siamo davvero onorati di poter avere un partner come TERGEO. La GAI ha trovato in esso un interlocutore competente e con una condivisione di vedute e valori ispiratori, che vanno oltre l’aspetto meramente economico, ma toccano temi sentiti e sensibili, elevando il livello della sinergia di intenti.

Con TERGEO pensiamo di aver trovato un giusto compagno di un pezzo di strada, dove si lavora insieme nell’ottica del Bene di entrambi e di tutti gli operatori coinvolti.

GAI Macchine Imbottigliatrici S.p.A.

Frazione Cappelli, 33B
12040 Ceresole d’Alba (CN)
Tel +39 0172 574416

gai@gai-it.com

Sito web